Stage 2 – Newcastle quayside to Heddon on the Wall

Domenica 9 agosto 2016

Stage 2 – Da Newcastle quayside a Heddon on the Wall

Distanza (secondo la questura di Heddon on the Wall): 10 miglia (16 km)

Meteo: oggi splende il sole, vento forte e contrario (tepparèva)

Scansione

Se a risvegliare la carne ci pensa l’ormai consueta “full English breakfast”, a risvegliare lo spirito ci pensa la straordinaria DJ di BBC Radio 6 Mary Anne Hobbs che dalle 7 am seleziona pezzi spaventosamente belli, da Bob Marley ai NIN, dai Massive Attack ai Joy Division.

What a cool start! Thank you lovely Mary Anne.

IMAG2031

E’ tempo di caricarsi in spalla Bruttofigliodiputtana1.

Scendo a piedi la città per raggiungere il sentiero nel punto in cui ieri sera l’avevo abbandonato, proprio di fronte al Fish Market che a quest’ora è un fermento di preparativi per il mercato domenicale. Se da un lato vorrei fermarmi per godere di un momento così vivace della città, dall’altro non vedo l’ora di rimettermi in cammino e proseguire verso la mia meta; di strada da fare ce n’è ancora tanta perciò: avanti Popolo!

Cammino lungo la ciclabile sul fiume Tyne investito da un vento fortissimo che mi fa più volte volar via il cappello. Penso: sto lasciando Newcastle, ma non l’avrò forse un pochino sottovalutata?!? Forse andava considerata come qualcosa di più che un semplice passaggio obbligato tra il mare e la brughiera… Adesso che un passo alla volta mi sta allontanando sempre più dalla città più grande che incontrerò sul mio cammino quasi quasi mi dispiace. La soluzione a queste “paranoie” è solo una: una promessa di ritorno.

Inizio a studiare le persone che incrocio, supero (mi superano), e saluto. Voglio capire se qualcun altro è sul sentiero per il mio stesso motivo. Alcuni corrono, altri passeggiano, molti pedalano ma nessuno, pare, sta seguendo l’Hadrian’s Wall Path, questa è la gente di Newcastle che cerca di smaltire calorie in eccesso o postumi del sabato sera… Poi ad un certo punto a circa 400 metri da me vedo due tipiche figure umane piegate dal proprio Bruttifigliodiputtana che camminano nella mia stessa direzione… Oooh finalmente! Si si devono essere per forza altri due “pellegrini”. La visione mi da ulteriore fiducia e proseguo nel camminare controvento.

Pellegrino: parola d’altri tempi. Pellegrino cioè peregrino, dal latino per agros, ovvero per i campi. In questo caso la definizione direi che calza abbastanza.

A differenza della guida utilizzata durante la via Francigena (tra tutte le indicazioni su di essa riportate ricordo chiaramente: “…superate sulla sx il faggio e proseguite lungo la fila di lecci…i” esticazzi non ho una laurea in botanica), la guida che sto utilizzando per l’Hadrian’s Wall Path mi da dei riferimenti molto precisi sulla via da intraprendere: due esempi nelle foto qui sotto:

Facile! A intervalli regolari poi, dei totem colorati indicano la distanza percorsa e quella da percorrere:

E arrivò infine il momento in cui la città finì per lasciare spazio alla vegetazione. Percepire che la città finisce. Questa è una sensazione che nel nord Italia non potremo più provare in quanto non esiste più una “pausa” fra una città e l’altra. Dove sembrano finire le case inizia sempre una zona industriale e dove sembrano finire i capannoni industriali ricominciano le case. Lungo la A4 da Venezia a Milano c’è solo cemento.

Lunga vita agli spazi vuoti, ai terreni non edificabili, alle pause e agli intervalli!

IMAG2097Arrivo a Heddon on the Wall poco prima delle 16 dopo aver superato una ripida collina.

Proprio qui a Heddon incontro il primo pezzettino di vallo.

IMAG2106

Carissimo muro, piacere di conoscerti. Io sono Jacopo e sto facendo un sacco di fatica per seguire il tuo percorso.

Mi dirigo verso l’unico pub del piccolo villaggio per raccogliere qualche informazione su dove è possibile pernottare. Alla mia richiesta la giovane barista mi consegna un fogliettino con un nome e un numero di telefono scritti a penna, l’assist per chiederle se il nome e il numero sono i suoi è servito! Ride. Poi mi spiega che si tratta di una fattoria che può ospitare i pellegrini lungo il vallo.

Sto per comporre il numero di telefono quando dalla porta del pub entrano due ragazzi che riconosco essere quelle figure intraviste questa mattina poco fuori Newcastle. Sono Javier e Sergio, due ragazzi di Madrid anche loro sull’Hadrian’s Wall Path. Mi dicono che a circa un km dal pub c’è una walkers accomodation gestita dalla signora Paula – lo stesso nome scritto sul mio foglietto – .

Benvenga questo km supplementare! Ci voleva. Ringrazio i ragazzi e mi dirigo verso la fattoria, nel frattempo inizia a piovere.

IMAG2114

Paula si dimostra davvero gentile e disponibile, parliamo un sacco del percorso lungo il vallo, delle prossime tappe e anche delle prossime accomodation nei villaggi che incontrerò. Non sempre sono buone notizie.

P: “eh domani ti tocca una bella petotata fino a Chollerford… 30 km”

J: “no scusa come Chollerford?!? Domani io mi fermo a Portgate… 16 miglia da qui… Chollerford sono 2 tappe e mezza sulla mia guida…”

P: “no ma non c’è niente tra qui e Chollerford a meno che tu non voglia piantare la tenda… Comunque non è proprio Chollerford, c’è una bella fattoria 2 miglia oltre Chollerford”

J: “cazzo”. “ah Paula per la cena? So che il pub chiude presto di domenica…”

P: “si puoi trovare qualcosa da mangiare allo Swan, un piccolo ristorante a un km e mezzo da qui, Ah lungo la strada trovi anche un distributore di benzina con un market, conviene tu ti prenda del cibo per la tappa di domani… 30 km”

J. “che bello. Grazie Paula per le ottime notizie”

Dopo una doccia mi rendo conto che ho male dappertutto: spalle, schiena, ginocchio, cosce e piedi ma tocca nutrirsi e far provviste per domani quindi in marcia!

Al mio rientro dopo una cena frugale ritrovo i due Spagnoli.

J: “ma anche voi domani Chollerford?”

S&J: “eh si… comunque sono due miglia oltre Chollerford”.

J: “correct. Guardiamo un po’ di olimpiadi?”

Così si sta nella TV room per un’oretta a chiacchierare e a vedere le gare in diretta dal Brasile. Hockey su pista. Davvero avvincente, tanto che ben presto decidiamo di trascinarci ognuno ai propri alloggi.

Trascinarci è la parola giusta.

Buonanotte popolo.

IMAG2115

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: